La polizia di New York affondata da Twitter

edozit:

Queste immagini le farei vedere a tutti coloro che dicono o pensano: “Massì, tanto è solo comunicazione”. 
Ehi! Sveglia, l’immagine è tutto. Vuoi o non vuoi. Non è solo comunicazione è la dimostrazione di quello che dici di essere. 

Un esempio di autogol nella comunicazione e nel social media marketing…

2 note

engineeringhistory:

The IBM System/370 Model 145, 1970. The System/370 Model 145 was the first general-purpose business computer to use monolithic circuits in all memory and logic functions, and used semiconductor technology rather than magnetic cores.

engineeringhistory:

The IBM System/370 Model 145, 1970. The System/370 Model 145 was the first general-purpose business computer to use monolithic circuits in all memory and logic functions, and used semiconductor technology rather than magnetic cores.

122 note

nerdology:

freeindie:

This speaker lights up in flames with every beat.

This is really cool.

3.731 note

“Prima di giudicare la mia vita o il mio carattere, mettiti le mie scarpe, percorri il cammino che ho percorso io. Vivi il mio dolore, i miei dubbi, le mie risate. Vivi gli anni che ho vissuto io e cadi là dove sono caduto io e rialzati come ho fatto io”

1 nota

edozit:

True Facts

2 note

(Fonte: limaotto, via distopico)

12 note

edozit:

Let’s Rock! 

by Tata & Friends

2 note

(via efattelaunacazzodirisata)

10.877 note

edozit:

Nel gennaio 2002 il National Geographic organizzò una spedizione dello stesso McCurry con un team al seguito con lo scopo di ritrovare ed identificare la ragazza afghana dagli occhi di ghiaccio che aveva ormai reso celebre il fotografo in tutto il mondo.
Steve McCurry tornò al campo di Nasir Bagh, ma non riuscì a ritrovarla. Fortunatamente, dopo qualche falsa pista, un uomo, a cui fu mostrata la foto della copertina, raccontò che con la ragazzina avevano vissuto al campo come fratelli e che era tornata in Afghanistan anni prima e viveva tra le montagne vicino a Tora Bora.
Da quest’operazione di ricerca la National Geographic produsse il documentario “Search for the Afghan Girl” andato in onda per la prima volta il 9 marzo 2003, oltre a ridedicare una prima di copertina alla donna che per 17 anni era stata ignara della fama conquistata nel mondo dalla sua immagine. Il team con l’aiuto di Rahimullah Yusufzai, un rispettato giornalista pakistano che faceva loro da guida e interprete, riuscirono a distanza di più di 17 anni a ritrovare la ragazza, ormai trentenne e con tutti i segni di guerre, invasioni e difficoltà vissute, e a darle finalmente un nome dopo quasi vent’anni di anonimato. Da allora possiamo finalmente chiamare la ragazza afghana con il suo vero nome: Sharbat Gula.

(le fotografie che hanno fatto la storia)

4 note

engineeringhistory:

IBM 64 KB RAM, first demonstrated in 1975 and mass produced in 1977.

engineeringhistory:

IBM 64 KB RAM, first demonstrated in 1975 and mass produced in 1977.

244 note

periferiagalattica:

In certe culture credono che una foto ti rubi l’anima. Noi invece lo sappiamo, che si può salvare sul pc.

8 note

Ti auguro domotica gestita da windows 95

iotimaledico:

[r3arv13wm1rr0r]

27 note

(Fonte: battle-stations, via minimaldesks)

163 note

gasoline-station:

Wanka House

by Estudio Galera Arquitectura

(Fonte: archatlas, via efattelaunacazzodirisata)

940 note

periferiagalattica:

In Italia le cose hanno iniziato ad andar male quando fare la presentatrice Avon è stata considerata una carriera.

53 note